Colore e decolorazione in gravidanza

Incinta donna
 
D: Posso colorare o decolorare i capelli durante la gravidanza?
 
R: Prima di eseguire questo tipo di trattamenti il parrucchiere effettua di solito un test per la sensibilità agli agenti chimici e uno per quantificare i tempi e i risultati di esecuzione su una ciocca di capelli, e questi test sono indicati in modo particolare per le donne in gravidanza e per le neo-mamme.
 
Gli ormoni rilasciati nel corpo femminile durante la gravidanza, infatti, producono diversi effetti sul fisico della donna. Per alcune, i capelli si assottigliano, mentre per altre le permanenti non danno l'effetto desiderato (o non funzionano affatto).
 
Oltre a questo, però, va anche considerata la possibilità di una ipersensibilità della pelle agli agenti chimici, un fatto molto comune in questi casi. Inoltre, i capelli possono mutare e diventare più secchi oppure più grassi, più porosi o più resistenti, eccetera, e tutto ciò può causare differenti conseguenze sugli effetti dei trattamenti di colorazione e decolorazione. Infine, uno degli effetti più comuni della gravidanza è l'intolleranza agli odori delle sostanze chimiche, che vengono percepiti come nauseabondi e insostenibili.
 
Nella maggior parte dei casi colorare o decolorare i capelli in gravidanza non è un problema se i test di prova della sensibilità al colore e al decolorante non hanno dato effetto positivo. Se, invece, i test evidenziano una seppur minima reazione, questi trattamenti sono assolutamente da evitare.
 
Il test per la sensibilità agli agenti chimici consiste nell'applicazione, da parte del parrucchiere, di una piccola quantità di prodotto (colore o soluzione per la permanente) in un'area non immediatamente visibile (di solito sul collo dietro l'orecchio), da lasciare agire per il tempo usuale del trattamento e da togliere e sciacquare alla fine del test. In seguito, è necessario attendere 24-48 ore e osservare se nella zona trattata si manifestano segni di irritazione. Se dopo 48 ore non ci sono segni particolari di reazione o irritazione, è allora possibile sottoporsi al trattamento chimico senza problemi.
 
Il test di prova sulla ciocca, invece, consiste semplicemente nell'eseguire il trattamento limitatamente ad una sezione di capelli. Ciò permette al parrucchiere di conoscere quali sono i tempi di applicazione adeguati al tipo di capelli da trattare e consente di raggiungere in modo completo la tonalità desiderata dalla cliente.
 
In generale, la iper-sensibilità alle sostanze chimiche e l'intolleranza agli odori rappresentano i problemi più comuni in gravidanza. Inoltre, è più difficile ottenere risultati perfetti da permanenti e lisciature, mentre le colorazioni danno di solito i risultati voluti.
 
©hairfinder.com
Immagine:Stanislav Popov/Shutterstock
 
Articoli Correlati:
 
La colorazione dei capelli
 
Come funziona il trattamento schiarente dei capelli?